martedì 23 giugno 2020

NEW YORK…. GIMME FIVE!!


Ed eccoci per la quinta volta a New York, che se non si è capito, è una città che amiamo immensamente! 

Freedom Tower

29 dicembre
Partenza da Malpensa: io, Enzo, mia mamma e mio papà! Regalo per un compleanno importante, quello di mia mamma Vale!
Volo diretto per Newark con United. 


pronti alla partenza

Subway...

Come si può immaginare, nel periodo di capodanno gli hotel a Manhattan raggiungono cifre piuttosto elevate. In passato abbiamo optato per Il Jersey, come alternativa, ma questa volta proviamo con Long Island City: Microtel Inn by Wyndham.
Posizione azzeccatissima, strategica. A 5 minuti a piedi ci sono 3 diverse fermate di metropolitana, in 15 minuti si arriva a Times Square e, sulla stessa linea, si attraversa tutta Manhattan.
Due camere matrimoniali molto comode e pulite, la struttura è nuova e la colazione è ok.
Hotel promosso a pieni voti! 


Andando verso Ellis Island


Abbiamo di fronte a noi una settimana a New York!


sulla Fifth Avenue

Empire State Building

il ponte di Brooklyn

Noi conosciamo già la città, ma per i miei genitori è la prima volta, quindi vogliamo mostrare loro le cose principali e ritagliarci la possibilità di scoprire angoli e posti nuovi anche per noi.

Grand Central

Io e Enzo acquistiamo i City Pass con 3 attrazioni. Per i miei, invece, optiamo per quello da 6. 


un intruso e sullo sfondo NY...

meravigliosa NY dal Top of the Rock… 


Così, con i miei rifacciamo il giro fino alla Statua della Libertà ed Ellis Island e poi saliamo insieme sul Top of the Rock… New York dall’alto merita sempre! 

Lady Liberty
I miei andranno a vedere anche l’American Museum of Natural History, il Metropolitan Museum e saliranno sull’Empire State Building. 

Io e Enzo sfrutteremo il tempo a disposizione per girare tra le vie di Manhattan e Brooklyn.

L’ultima attrazione, per tutti, è l’Intrepid Sea-Air-Space Museum, che non avevamo mai visitato prima.
Partiamo proprio da questa tappa con il nostro breve resoconto.

l’Intrepid Sea-Air-Space Museum è davvero interessante. È possibile visitare un sottomarino nucleare e una portaerei (Intrepid Sea). Ci sono tantissimi aerei in esposizione statica, compreso un concorde, e addirittura uno shuttle! 

Restiamo colpiti dagli stretti spazi in cui viveva l’equipaggio del sottomarino, immaginiamo come poteva essere passare settimane, mesi in uno spazio così angusto.
Sulla banchina vediamo esposto il Concorde della British Airways.


vista su Manhattan dall'Intrepid Sea

Visitiamo l’Intrepid Sea, una portaerei enorme in cui sono esposti decine di aerei, tra cui anche una nostra Freccia Tricolore. Tutti gli aerei si stagliano contro un bel cielo azzurro e sullo sfondo i grattacieli di Manhattan. Infine vediamo anche lo Shuttle, in tutta la sua grandezza, in un hangar allestito sulla portaerei.

Dopo il museo, nel pomeriggio, mandiamo i miei genitori all’osservatorio dell’Empire e noi ne approfittiamo per gironzolare per le strade newyorkesi ad assaporare l’atmosfera magica che si respira in questa città. 

Wall Street


Un’altra mattina, lasciati i miei al Museo di Storia Naturale, andiamo a fare un fantastico giro di Brooklyn. 


gironzolando per Brooklyn..

Manhattan da Brooklyn


Partiamo da Brooklyn Heights, un quartiere bellissimo che si estende a sud del famoso ponte e gode di una incantevole vista su Manhattan. Iniziamo la nostra passeggiata sotto una lieve pioggerellina, che piano piano si esaurisce, mentre giriamo tra le vecchie case di questo antico quartiere popolare,che oggi è un’area benestante. La passeggiata lungo il fiume è molto bella, ci permette di ammirare Manhattan e il ponte avvolti nella nebbia. 

gironzolando per Brooklyn..
Lungo la via principale, Montague Street, ci sono molti negozi, locali e ristoranti. 
Ci fermiamo a riposare in uno Starbucks prima di prendere un autobus verso un altro quartiere di Brooklyn: Williamsburg. 

Una zona più popolare, lo si nota dagli edifici e dalle case meno lussuose.
Le vie sono più larghe e, a parte la via principale, ci sono meno negozi e meno locali rispetto a Brooklyn Heights.
Il quartiere è multietnico, c’è una grossa comunità ebraica.

Joe's
Molto carina Bedford Street, dove troviamo un Joe’s Pizza senza la classica fila chilometrica, così riusciamo ad assaggiare un pezzo della famosa pizza pepperoni! 

Sempre a Williamsburg proviamo l’hamburger da Shake Shack, non ci colpisce particolarmente...in questo viaggio ne abbiamo mangiati di migliori!
Finito il nostro giro, riprendiamo la metro e andiamo a recuperare i miei genitori a Manhattan.

Durante le passeggiate con in miei riusciamo a visitare la grande sala della Biblioteca Centrale. Nei nostri ultimi viaggi l’avevamo sempre trovata chiusa per lavori e quindi non era accessibile, finalmente questa volta ce la facciamo! 

Gosthbusters…. 

Morgan Library
Entriamo anche alla Morgan Library, approfittando dell’ingresso gratuito del venerdì sera. Qui è ospitata una stupenda collezione di manoscritti originali, stampe e libri preziosissimi. Era la biblioteca privata di John Morgan, un banchiere di inizio ‘900 che mise insieme questo patrimonio, successivamente diventato una biblioteca e un museo pubblico. Vale assolutamente una visita, sia per l’edificio e le sale affrescate, che per le opere magnifiche che vi sono custodite. 

Morgan Library


Insieme ai miei maciniamo moltissimi chilometri attraverso i quartieri di Manhattan: dal Chelsea al Greenwich, da Soho a Tribeca, da Little Italy a China Town passando per Wall Street. 


Chrysler

sulla High Line


China Town

Little Italy

Attraversiamo il ponte di Brooklyn, percorriamo tutta la High Line…insomma vaghiamo tra le bellissime strade di New York. Ammiriamo ogni quartiere con le sue caratteristiche e i suoi pregi e difetti. Vogliamo assaporare la vera atmosfera della Grande Mela e goderci al massimo questa ennesima visita della città. 

sul ponte di Brooklyn



Cattedrale di Saint Patrick

Rockfeller Center


ponte di Brooklyn

Manhattan Bridge

Times Square

Ovviamente camminando chilometri ogni giorno, si spendono energie e il carburante è fondamentale! Abbiamo mangiato un po’ di tutto…quindi diamo qualche indicazione dei ristoranti provati durante questi giorni.

Iniziamo dai dolci.
Carlo’s Bakery: abbiamo mangiato i migliori cupcake di New York! Siamo stati solo nella sede di Manhattan, in un viaggio passato eravamo stati anche Hoboken e anche quella volta avevamo apprezzato molto i cupcake, questa è stata la conferma.


Magnolia Bakery: abbiamo mangiato il famosissimo banana pudding e la cheesecake. STREPITOSI entrambi. Il pudding ci è piaciuto talmente tanto che abbiamo cercato la ricetta e comprato gli ingredienti per riprovare a fare il dolce a casa, risultato ottimo! 


Passiamo alla colazione e al brunch.
Lic Market ad Astoria: non distante dal nostro hotel. Qui abbiamo fatto il brunch l’ultimo giorno, prima di ritornare in Italia. Abbiamo mangiato delle ottime uova con salsiccia o salmone o bacon. Buoni anche i pancake al cioccolato. 

John's Coffee Shop, a Manhattan: ottima colazione americana. I pancake erano assolutamente fantastici, buonissimi anche i bagel e le uova. Molto carino il locale, un po' vintage, classico locale americano che si vede nei film. 


Arriviamo agli hamburger, che a New York non possono mancare!

Shake Shack a Williamsburg: non ci entusiasma, di livello sicuramente superiore rispetto alle solite catene, ma comunque un hamburger classico senza infamia senza lode. 

Burger Joint: per noi, il migliore delle vacanza! Entriamo nella hall dell’hotel Parker Meridien e il locale è nascosto dietro una tenda rossa. C’è coda, aspettiamo una mezzora abbondante ma alla fine riusciamo a sederci e gustare un hamburger fantastico. Ognuno si sceglie cottura della carne, condimenti e verdure. Buonissime anche le patatine. La qualità di questo panino è sicuramente eccellente. Da provare assolutamente! E poi il locale…stupendo, un tuffo nel passato!


Bareburger (a Hellskitchen): Buono. Qui è disponibile anche la carne di bisonte, che ovviamente abbiamo assaggiato. E' possibile comporsi il panino, volendo si può optare per un hamburger più salutista...al posto del classico panino, la carne viene servita avvolta da foglie di cavolo. 

Continuiamo con la Carne.
Ristorante Buenos Aires: cena di vigilia di Capodanno. Prenotato tramite Opentable. Il locale è molto carino e la carne è ottima. È possibile mangiare sia carne argentina che americana, noi optiamo per quella argentina. Buonissima! Il filetto è tenerissimo, carne gustosa e ottimamente servita. Un ristorante da provare! 

Passiamo ai Ristoranti etnici ad Astoria, Long Island (comodi all’hotel).

Ristorante greco Bahari Estiatorio: mangiamo dell'hummus, carne e insalate. Tutto buono e gustoso. 
Locale messicano, Los Portales: lavora soprattutto come take-away, ma ha anche dei tavolini per poter mangiare lì. Assaggiamo fajitas, tacos e quesadillas. Tutto buono e abbondante.


Altri ristoranti provati a Manhattan:

Hummus Place Upper West Side, su Amesterdam Avenue nel West Side, dove proviamo dell’ottimo hummus e falafel. 

Per il pranzo invece riusciamo sempre a trovare posti dove è possibile comporsi i propri piatti a buffet e dove si può scegliere tra verdure e insalate di vario tipo, zuppe, riso, carne. Insomma mangiamo piuttosto bene anche a pranzo! In particolare segnaliamo  Sunac Natural Food, sulla 42a non distante dall’Intrepid Museum e Pure & Fresh sulla 36a strada.

Chelsea Market
Chelsea Market

lo zainetto davanti al Cafè Wha… 

La settimana a New York vola letteralmente. Fortunatamente siamo riusciti ad organizzarla tra fine dicembre e inizio gennaio.
Ora che siamo a casa in quarantena, riguardiamo le foto e scorriamo con la mente i meravigliosi ricordi del nostro ultimo viaggio. Ci chiediamo quando riusciremo a partire di nuovo.

Viaggiare è parte fondamentale della nostra vita e questo “blocco” non fa altro che creare ancora una maggiore dipendenza… il mondo ci sta aspettando e noi abbiamo intenzione di tornare a visitarlo al più presto e con maggiore consapevolezza di prima!

A presto.

Cry e Enzo
Vale e Ro….

P.S. Concludiamo il nostro viaggio passando una giornata in giro per la bella e gelida Bruxelles. Il volo prevedeva lo scalo di qualche ora nella capitale belga e così abbiamo approfittato per visitarla e farla vedere ai miei genitori. 






mercoledì 20 novembre 2019

Uzbekistan…sulla via della Seta


Questo viaggio nasce quasi per caso… una sera, parlando dei nostri programmi di viaggio con Barbara e Giuliano, menzionano l’Uzbekistan come una possibile meta...idea interessante!


Noi non ci avevamo mai pensato…dopo una (molto) breve valutazione decidiamo di comprare i voli!

Partenza il 9 agosto e rientro il 25 con volo diretto Malpensa – Tashkent con Uzbekistan Airways. 

Nei mesi prima della partenza studiamo un po’ l’itinerario, anche se non si trovano moltissime informazioni. Decise le tappe, prenotiamo gli hotel e un paio di escursioni.


Il 9 agosto ci ritroviamo con Barbara e Giuliano al nostro solito parcheggio a Malpensa.

Il volo parte in orario e a Tashkent c’è Aziz che ci aspetta.

Partiamo subito per la valle di Fergana. Dopo circa 3 ore di auto (tra un sonnellino e l’altro) facciamo una prima tappa:Kokand.  

Kokand

Kokand

Kokand

Kokand

Kokand

Kokand


Vediamo un palazzo, una moschea e altre attrattive della città e poi Aziz ci porta a pranzo in un posto frequentato solo da gente del posto.

Assaggiamo la nostra prima zuppa uzbeca e degli spiedini di carne. 

pranzo

Finito il giro della città, andiamo a visitare una fabbrica di ceramica, carina, interessante e ottima per qualche souvenir di artigianato tipico.

Il viaggio prosegue verso Fergana, dove abbiamo prenotato il Sakura Innhotel
L’hotel sembra nuovo, le camere sono pulite e la colazione abbastanza buona. 

Fergana

bazar
Il mattino successivo gironzoliamo per la città, vie grandi, edifici bassi ma comunque di stampo sovietico. Notiamo subito che ci sono parecchi parchi e molti viali alberati, cosa che rivedremo in tutte le città del paese. 

bazar

bazar

bazar

Lasciamo Fergana per andare a Margilan a visitare il famoso bazar della domenica. Purtroppo non tutti i negozi del bazar sono aperti perché siamo nel periodo della festa del sacrificio. Riusciamo comunque a vederne una bella parte e fare qualche acquisto.

bazar

bazar

bazar

bazar
Mentre passeggiamo, molte persone ci fermano per parlare, in particolare una ragazzina con la mamma, che, dopo un po’ di chiacchiere, ci invita per pranzo a casa sua! Purtroppo dobbiamo rinunciare, dobbiamo rientrare a Tashkent e la strada è lunga, peccato sarebbe stata una bellissima esperienza!

Ecco il lato negativo di programmare in anticipo anziché improvvisare il viaggio!

Andiamo a visitare una fabbrica di seta. Aziz ci spiega che durante il periodo sovietico qui lavoravano più di tremila persone, oggi ne sono rimasti circa 250. Purtroppo la disoccupazione nel paese è molto elevata. 
fabbrica di ceramica

fabbrica di ceramica

Vediamo ancora un bazar nelle vicinanze prima di recarci a quello del pane.
Fantastico. Mentre passeggiamo e fotografiamo le bancarelle, le persone ci fermano, vogliono fare foto insieme, ci chiedono da dove veniamo, e quando diciamo “Italia”, loro immancabilmente rispondono: Juventus/Ronaldo oppure Toto Cotugno/Celentano! Una visita davvero divertente! 


bazar

bazar

bazar

trasporto pane

trasporto pane

bazar del pane

bazar del pane

bazar del pane

bazar del pane

bazar del pane
Restiamo un po’ “interdetti” riguardo i metodi di trasporto il pane: carrozzine (come quelle per i bambini di un tempo) e auto: le vediamo stracolme di pane sui sedili, sui tappetini, nei bauli… pagnotte che passano di mano in mano…mano/terreno/mano…vabbè, anche questo è un modo di conoscere la popolazione e le tradizioni che la caratterizzano.

Attraversiamo i monti che separano la valle dal resto del paese e rientriamo a Tashkent in serata.

Alloggiamo per una notte all’hotel Grand Capital. Hotel abbastanza standard, camere spaziose e in buona posizione. 
Il mattino dopo alle 7 e mezza circa abbiamo il nostro primo treno, l’Afrosyob per Samarcanda. 


In un paio d’ore arriviamo nella famosa città cantata da Vecchioni, la mitica città di Timur (Tamerlano), immaginata da noi come un posto esotico e lontano, un crocevia di carovane di mercanti, che la attraversavano durante i lunghissimi viaggi verso la lontanissima Cina. La Via della Seta che attraversava l’Asia per migliaia e migliaia di chilometri...

Tamerlano

Preso un taxi andiamo alla Jahongir Guesthouse, un hotel molto carino a pochi minuti a piedi dal Registan. Lasciati i bagagli, usciamo subito alla scoperta della città. Come prima cosa ci fermiamo ad ammirare il Registan. 

Registan

Registan

Tre madrasa, scuole religiose islamiche, che si affacciano su un’enorme piazza. In questi giorni la piazza ospita dei palchi e le scenografie per un festival che si terrà a fine mese, ma noi ce la immaginiamo come poteva essere un tempo, un enorme bazar pieno di bancarelle e di merci che arrivavano dalla Cina, dalla Persia, dall’Europa… 


Registan

Registan
Il Registan è veramente uno spettacolo da lasciare senza fiato, i tre enormi portali (iwan) riccamente decorati di piastrelle di tutti i riflessi del blu e azzurro, scritte in arabo che rivestono le facciate e le cupole, anche queste magnificamente decorate di piastrelle e i minareti, non proprio dritti, che si elevano di fianco ad ogni scuola. Si tratta probabilmente di quanto di più bello si possa ammirare in tutto il paese e, probabilmente, in tutta l’Asia Centrale.

Registan

Dopo aver passato un po’ di tempo ad ammirare e fotografare tanta bellezza, andiamo a passeggiare verso il mausoleo di Tamerlano.

Mausoleo

Mausoleo

Mausoleo


Questo bellissimo edificio è sormontato da una cupola di un colore blu brillante e bianca. Il portale d’ingresso è anch’esso decorato con piastrelle blu e scritte in arabo. All’interno di questo mausoleo si trovano le spoglie di Tamerlano e di alcuni suoi figli e nipoti.
Mausoleo


Nella sala in cui sono custodite le tombe si possono vedere le lapidi disposte al centro, quella di Tamerlano è l’unica ricoperta di giada dal colore verde. 

Mausoleo

Usciti dal mausoleo continuiamo la nostra passeggiata verso la zona sovietica della città, si tratta della parte più nuova con molti parchi e giardini in cui godere di un po’ di fresco nelle calde giornate dell’Uzbekistan. Mangiamo in una tavola calda piena di impiegati e lavoratori in pausa pranzo. 

Moschea

Moschea

Moschea


Nel pomeriggio passeggiamo lungo la via pedonale che collega il Registan e il bazar Siyob, entriamo in qualche negozietto, prendiamo un disgustoso caffè in un locale lungo la via e scattiamo un po’ di foto alla moschea, molto bella, Bibi-Khanym.


Moschea



Per cena mangiamo in uno dei ristoranti di cucina locale nella via dove si trova la nostra guesthouse, zuppa e spiedini.

Passeggiamo ancora fino al Registan. Nella piazza si stanno svolgendo le prove di ballo del festival, E’ tutto illuminato, la musica e i canti rendono l’atmosfera magica. 


Registan

Registan
Registan


Il parco vicino al Registan è pieno di famiglie che passeggiano, bambini che mangiano zucchero filato, ragazzini in bici, tanti noleggiano macchinine elettriche per bambini e tutti mangiano gelati! 


Registan

Registan

Registan

Quando finiscono le prove dello spettacolo, il Registan viene illuminato con una miriade di luci colorate, un po’ bizzarro ma alla fine ci prendiamo gusto e scattiamo foto a ripetizione!


Registan

Registan

Ci addentriamo verso l’ingresso e una guardia ci permette di fotografare da un angolino in disparte la facciata del Registan, bellissimo siamo soli di fronte alla Madrasa Tilya-Kori! 

Registan


Moschea

Il mattino successivo, iniziamo il nostro giro dalla moschea di Bibi-Khanym, costruita a partire dal 1399 per volere di Tamerlano. Nel 1897 era quasi completamente distrutta a causa di vari terremoti, è stata poi intrapresa una grande opera di restauro (come per la maggior parte degli edifici del paese) e oggi si presenta in tutto il suo splendore. 

Moschea

Moschea

Moschea

bazar



Il Registan apre alle 11 per via delle prove del corpo di ballo, abbiamo tempo per fare un giretto nel bazar di Siyob, che inizia proprio di fianco alla moschea.

bazar

bazar

bazar

bazar

bazar

bazar

bazar

bazar

bazar

bazar
Il bazar è suddiviso in settori: dolci e zucchero, frutta secca, spezie, frutta e verdura, pane…montagne di pane! E poi cose per la casa, per la pulizia, stoffe, abiti… insomma tutto quello che può servire.

Alle 11 entriamo finalmente nel magnifico Registan.

Registan

Il Registan era il cuore dell’antica città di Samarcanda della dinastia dei Timuridi. Il nome Registan significa “luogo sabbioso” o “deserto” in persiano. Era una piazza pubblica, dove la gente si riuniva per ascoltare proclami regali ed era anche luogo di esecuzioni pubbliche, qui si svolgeva anche un grande bazar. 


Registan

Registan

Registan

È incorniciato da tre madrasa (scuole islamiche) di architettura islamica.

Le tre madrase del Registan sono: la Madrasa di UlughBeg, quella di Tilya-Kori e la Madrasa di Sher-Dor. 

Registan

Registan
La Madrasa di Ulugh Beg, costruita da Ulugh Beg durante l’era dell’impero timuride di Timur-Tamerlano, ha un imponente iwan con un portale che si affaccia sulla piazza. Agli angoli si trovano alti minareti. Nel cortile ci sono una moschea e delle sale per conferenze ed è circondato dalle celle del dormitorio in cui vivevano gli studenti. Questa Madrasa era una delle migliori università del clero dell’Oriente musulmano nel XV secolo.

Nel XVII secolo il sovrano di Samarcanda, YalangtushBakhodur, ordinò la costruzione delle madrasa Sher-Dor e Tillya-Kori in onore delle sue due sorelle.

All’interno della madrasa Tillya-Kori si trovano alcune splendide sale decorate d’oro. 

Registan

Registan

Registan
Purtroppo la piazza non è interamente accessibile per via dei palchi che sono stati montati. Ma non ci demoralizziamo e lo spettacolo è comunque bellissimo. Può capitare di essere approcciati per andare (clandestinamente, per pochi euro) in cima ad una Madrasa, ma si tratta di una sfacchinata inutile, oltre che vietata.


Registan

Registan

Registan

Per pranzo compriamo un melone, degli yogurt e un formaggio tipo philadelphia e mangiamo nel giardino della guesthouse.

Invitiamo anche due simpatici giapponesi che si siedono e dividono con noi il melone (enorme).

Dopo una bella doccia, usciamo a vedere il tramonto. Il sole che inizia a scendere e illumina il Registan… peccato le impalcature davanti. Restiamo comunque soddisfatti dello spettacolo. 

Per cena tentiamo con il ristorante Platan e fortunatamente troviamo posto. Si tratta sicuramente del miglior ristorante di tutta la vacanza. Servono delle ottime insalate e verdure, la carne è squisita, sia quella di agnello che di pollo. Molto buoni i manti, i dolmen e anche i dolci! Il servizio lascia un po’ a desiderare, ma la qualità del cibo è nettamente superiore a tutti i posti provati.

Spendiamo circa 40 euro in quattro, sopra la media ma tutti meritati.

Usciti dal ristorante passeggiamo fino al Mausoleo di Tamerlano. 
Ripassiamo davanti al Registan e torniamo in hotel. 

Il giorno dopo abbiamo il treno per Bukhara nel primo pomeriggio. Approfittiamo della mattinata libera per andare a visitare il bazar di Urgut, si tratta di uno dei bazar più grandi dell’Asia Centrale. Organizziamo la gita tramite la nostra guesthouse (40 dollari in 4). Partiamo alle 8 del mattino e in un’oretta arriviamo al bazar.
Urgut

Urgut

Giriamo tra le bancarelle, siamo gli unici turisti! Molti ci fermano per chiederci da dove veniamo e alla nostra risposta spesso scatta la reazione “Toto Cutugno” o “Celentano”!! Con alcune persone improvvisiamo L’Italiano di Toto Cotugno! 


Urgut

Urgut

Urgut

Il mercato è davvero gigantesco, passiamo nella zone dei tessuti, in quella dell’oro, nella zona vestiti, poi frutta e verdure, le spezie e la frutta secca e per finire vediamo la “food court”, l’area mangiereccia! Vediamo somsa appena sfornate, plov cuocere, spiedini di carne sulle griglie, zuppe e verdure varie… facciamo anche qualche acquisto, del sapone, dei quaderni, un ciondolo d’argento….

Urgut

Urgut

Questo bazar è senza dubbio una delle cose più belle e vere da vedere e vivere. Da non perdere.
Urgut

Urgut

Somsa

Acquisti...


Purtroppo verso le 11 ce ne andiamo, dobbiamo prendere il treno!

Il viaggio dura un paio d’ore, il treno è paragonabile ai nostri intercity. 
Arrivati a Bukhara prendiamo un taxi per il centro e raggiungiamo l’hotel. Alloggiamo al Sukhrob Barzu Hotel, molto carino con un bel cortile interno in cui viene servita la colazione. La posizione è ottima, a due passi da Lyab-i Hauz, la piazza centrale di Bukhara. 

i barzar di Bukhara

i barzar di Bukhara

i barzar di Bukhara

i barzar di Bukhara
Nei due giorni che passiamo in città visitiamo i bazar coperti, la moschea di Ulugbek e la madrasa Mir-i Arab, la moschea Po-i-Kalyan e il meraviglioso minareto Kalyan. 

i barzar di Bukhara

Madressa di Ulugbek

Minareto


Ci avventuriamo anche nel bazar di Bukhara, anche questo è un enorme mercato dove si trova di tutto. Mangiamo in uno dei locali del mercato, un pranzo non troppo leggero: plov e somsa! Anche in questo caso siamo gli unici turisti…
Madressa, moschea e minareto
bazar

bazar

bazar
Bukhara è una città molto carina, la zona turistica è tenuta molto bene, pulita e ordinata, sembra quasi finta. Ci sono molti negozi di artigianato.

per le strade di Bukhara



minareto e moschea di Kalan

moschea di Kalan

moschea di Kalan

Moschea

bazar

bazar

Non appena si percorrono zone fuori dal circuito turistico, come la zona ebraica, si viene catapultati in un altro mondo…strade sterrate, casette polverose… è strano vedere come abbiamo diviso le “loro” zone da quelle turistiche, abbiamo un po’ l’impressione (non solo qui, ma ad esempio anche a Samarcanda) che vogliano “nascondere” la realtà, che invece per noi è un lato interessante da vedere e comprendere.

Sfruttiamo il secondo giorno per andare a visitare due posti fuori città.

Al mattino andiamo al palazzo d’estate, Sitorai Mohi Xosa, che raggiungiamo in bus e poi con una passeggiata di un quarto d’ora circa. Questo palazzo era la residenza estiva degli emiri di Bukhara. È una visita piacevole tra stanze riccamente decorate, harem e un bel giardino. 
Sitorai Mohi Xosa

Sitorai Mohi Xosa
Sitorai Mohi Xosa

Dal palazzo prendiamo un pullman che ci porta al bazar Karvan dove facciamo una passeggiata prima di tornare in città.

Dopo pranzo andiamo a visitare Chor-Bakr, un grande complesso di mausolei e tombe. Facciamo un bel giro e poi aspettiamo un pullman per tornare in città. Per fortuna non aspettiamo troppo. Scendiamo al bazar di Bukhara. 

Chor-Bakr
Char Minar


Il mattino del 17 abbiamo il treno per Khiva. Abbiamo il biglietto in economica, ma riusciamo a fare un upgrade direttamente sul treno…uno degli addetti ci chiede se vogliamo fare il viaggio in business, visto che ci sono parecchi posti liberi, per 5 euro a testa non ci pensiamo due volte! Viaggio comodo, fresco e tutto sommato piacevole.

Attraversiamo la zona desertica del paese, la steppa si alterna alle dune di sabbia per centinaia di chilometri. 

Arriviamo a Khiva nel primo pomeriggio. Andiamo al nostro hotel, Zukhro Boutique Hotel. Le camere sono carine, la posizione è fantastica, all’interno della città vecchia a due passi da tutte le attrazioni. Il servizio dell’hotel lascia un po’ a desiderare, difficoltà con la lingua, colazione un po’ scarsa rispetto alle altre esperienze e pulizia delle camere meno accurata rispetto agli altri posti.

tramonto su Khiva

Khona Ark

Minareto Kalta Minor

minareto

Per cena proviamo ad uscire dalle mura e proviamo un ristorante locale, ma rimaniamo un po’ delusi. Nei giorni successivi preferiamo i ristoranti all’interno della città. Proviamo il Cafè Terrasse e il Khorezm Art Restaurant, in entrambi ci troviamo bene, riusciamo a mangiare della buona carne, degli ottimi manti e buone insalate. 

Khiva

Complesso Islam Khodja

Palazzo Tosh-hovli

Palazzo Tosh-hovli

Palazzo Tosh-hovli

Il mattino dopo acquistiamo i biglietti completi per entrare in tutti i musei, moschee e minareti della città (160.000 som a testa, poco più di 16 euro).

Visitiamo tutti gli edifici, saliamo sul minareto Islam Khoja, una bella scala ripida di primo mattino ci ammazza!! Però la vista dalla cima è molto affascinante.

Visitiamo madrase e moschee, musei e forti. 

Palazzo Tosh-hovli

Palazzo Tosh-hovli





Insolito e bellissimo il minareto incompiuto Kalta Minor, rimasto mozzato a metà. Qui ci sbizzarriamo con le foto, soprattutto durante le serate. 





La visita più bella è al Kuhna Ark, la fortezza dei sovrani di Khiva. Al suo interno è possibile visitare la moschea estiva, decorata con piastrelle bianche e blu a motivi floreali, con un tetto rosso, arancione e oro.

È poi possibile vedere la sala del trono all'aperto in cui è presente uno spazio che secondo la tradizione è dedicato alla iurta reale. Questa sala veniva utilizzata dal khan per le audizioni pubbliche.

Passeggiamo tra gli altri edifici del palazzo e poi saliamo sul bastione Ak Cheikh Bobo, una torre di guardia da cui è possibile godere di una bellissima vista sulla cittadina e sui suoi minareti. 

selfie….







Decidiamo di risalire sul bastione anche al tramonto per fotografare la città nella calda luce del sole.

Il giorno successivo abbiamo organizzato un’escursione tramite l’hotel. Ci portano a vedere alcuni forti nella zona di Urgench.

La gita non è particolarmente entusiasmante, i forti quasi sempre si rivelano come dei cumuli di fango da cui emergono qualche muretto e qualche arco.

campo di yurta

forte


La parte migliore della giornata è quando l’autista si ferma a lato strada per comprare dei meloni.

L’autista chiede di tagliarne uno per farcelo assaggiare. Ci fanno accomodare su un plaid di fianco ad un canale e ci offrono queste fette di melone…squisito!!

Finito di mangiare (avidamente), assistiamo ad una meravigliosa scena di contrattazione sui meloni. Il nostro autista è un tipo molto insistente, alla fine dopo una decina di minuti di questioni (in russo, di cui non capiamo una parola) carica in macchina i meloni scelti e paga il prezzo che aveva in mente fin dall’inizio! Un vero contrattatore!

Mangiamo in un ristorante locale lungo la strada prima di tornare a Khiva.



Il mattino successivo, stessa scena dell’andata… “upgrade” della classe in treno, con lo stesso addetto dell’andata! Arriviamo a Bukhara nel pomeriggio. 

Questa volta alloggiamo all’hotel As-Salam, comodissimo, stanze enormi e comodissime. Hotel molto carino con la migliore colazione di tutto il viaggio!

L’ultima sera a Bukhara proviamo il ristorante Xon Atlas, un ristorantino a conduzione famigliare con una bellissima vista sul minareto Kalyan. Mangiamo dell’ottima carne con verdure e delle buone insalate.

Sicuramente il ristorante in cui ci siamo trovati meglio a Bukhara.





Il giorno dopo abbiamo prenotato un’escursione sui monti Nurata.

L’autista arriva puntuale alle 9 e si parte per il villaggio di Sentob, dove alloggeremo per la notte.

Abbiamo prenotato direttamente dall’Italia con Responsible Travel, ci sembra una buona opportunità per entrare in contatto con le comunità montane più distanti dal turismo di massa.

Arrivati a Sentob, attraverso strette stradine accidentate, la guida ci lascia nella Guesthouse prenotata.

Il proprietario e la moglie allestiscono subito il tavolo per il pranzo, verdure e insalate a non finire, zuppa con carne, dell’ottimo pane fatto dalla signora. Insomma ci riempiono di cibo!

Dopo pranzo il signore della guesthouse ci accompagna a fare un giro per il paesino. Sembra di essere catapultati nell’Italia di un secolo fa! Case in pietra, pastori a dorso di asinelli mentre portano le greggi di pecore al pascolo. Fa un gran caldo ma non demordiamo, arriviamo fino alla fine del paese, vediamo la sorgente da cui prendono l’acqua fresca e ci rinfreschiamo un po’ bagnando i cappellini.

Torniamo in guesthouse e ci accomodiamo all’ombra nel giardino, leggiamo e ci riposiamo.

Per cena la signora prepara il plov, non è male. Sicuramente migliore di quello mangiato a Bukhara. Poi ci porta verdure, insalate e pane.

Il mattino dopo un’abbondante colazione, ripartiamo per Samarcanda, dove arriviamo in tarda mattinata.

Purtroppo l’esperienza non è stata quella che ci aspettavamo, i contatti con la famiglia sono stati pochissimi, soprattutto a causa delle difficoltà linguistiche. Speravamo di poter interagire di più e vedere come vivono realmente, ma non ne abbiamo avuto l’opportunità.

Samarcanda moschea Hazrat-Hizr

moschea Hazrat-Hizr
Samarcanda



A Samarcanda dobbiamo ancora visitare alcuni posti. Facciamo un giro della moschea Hazrat-Hizr, una bellissima moschea completamente restaurata in cui c’è anche il mausoleo del Presidente Karimov.

Facciamo ancora un giro al bazar, dove compriamo un po’ di souvenir da portare a casa: uvetta e mandorle! Che bontà! 




Per cena proviamo il Samarkand restaurant, per fortuna mangiamo nella sala superiore…nel salone al piano terra deve esserci una festa privata e la musica è tutt’altro che rilassante! Il mangiare non è granchè.

Il giorno dopo andiamo a visitare il mausoleo Shah-i-Zinda.  



mausoleo

mausoleo

mausoleo

mausoleo


Il nome Shah-i-Zinda significa "Il re vivente" ed è collegato alla leggenda di Kusam Ibn Abbas, cugino del profeta Maometto che pare sia stato sepolto lì. Le leggende narrano che egli, dopo essere stato decapitato per la sua fede, prese la propria testa e andò nel pozzo profondo (il Giardino del Paradiso), dove sta ancora vivendo.

Il complesso di Shah-i-Zinda si è formato in più di nove secoli (dal XI al XIX) e ora include più di venti edifici, tutti riccamente decorati. I colori blu/azzurro e bianco ricoprono le pareti e le facciate delle tombe. Alcune sono molto decorate anche all’interno, altre invece hanno perso parte degli ornamenti. E’ un complesso davvero incantevole, paragonabile al Registan per la sua bellezza.

Nel pomeriggio gironzoliamo ancora un po’ per il bazar e per negozietti di souvenir, quindi rientriamo in camera per un po’ di riposo prima della cena.

Ceniamo al Platan, mangiamo dell’ottimo agnello e pollo e un po’ di verdure e patate.

Durante la notte ho grossi problemi gastrointestinali, mi sale la febbre a 39, costante, nonostante le medicine e passo la nottata insonne. 

Quando finalmente riesco ad addormentarmi…suona la sveglia! Sono le 5.20 e dobbiamo andare in stazione per prendere il treno per Tashkent! Grazie ad un polase riesco ad alzarmi dal letto, sono estremamente debole e senza forze.

Non so come, ma ce la faccio. Raggiungiamo la stazione, prendiamo il treno e finalmente arriviamo a Tashkent.

Siamo di nuovo all’hotel Grand Capital.

Anche Barbara, che nei giorni precedenti ha iniziato ad avere segnali di malessere, non è per niente in forze.

Fortunatamente ci sono camere libere così possiamo fare un early check-in. Andiamo in camera e ci riposiamo un paio d’ore.

Io e Enzo usciamo verso l’ora di pranzo, mi sento un po’ meglio… prendiamo la metro e raggiungiamo il bazar Chorsu, il più grande della capitale.

Iniziamo a girare un po’ per le bancarelle di souvenir, poi ci addentriamo nella zona macelleria e formaggi.

Saliamo a vedere l’area delle spezie e frutta secca. Purtroppo inizio a non sentirmi bene, riesco a sedermi su uno sgabello prima di cadere a terra svenuta! Enzo ha i riflessi pronti per fortuna. Servono zuccheri, quindi compra subito dei datteri e inizio a mangiarne un po’. Mi riprendo, finiamo il giro del mercato mangiando delle banane e ci fermiamo in un ristorante locale dove preparano spiedini, mangiamo un po’ di pane e un po’ di carne.

Decidiamo di tornare in hotel e lasciar perdere la zona vecchia della città.

Ci riposiamo un po’ e verso le 18 usciamo per fare due passi e vedere la zona in cui alloggiamo. Sto molto meglio, quindi iniziamo a camminare per Amir Temur Avenue, la strada principale su cui si trovano edifici governativi, musei, ambasciate. È una zona molto carina. Proseguiamo verso la piazza in cui c’è la statua di Tamerlano. Ceniamo al ristorante Afsona, trovato su tripadvisor. Mangiamo abbastanza bene. 

Tashkent

Tashkent

Tashkent

Tashkent


Ritorniamo a piedi verso l’hotel e, all’altezza della piazza di Tamerlano, ci fermiamo nel parco dove c’è una festa, concerto dal vivo (cantano anche canzoni di Celentano), giochi, gelati, bancarelle… ecco la movida di Tashkent!

Il mattino successivo, prima di andare in aeroporto, andiamo ancora a vedere un bazar non distante dall’hotel e compriamo del pane per il pranzo.

Partiamo puntuali per Malpensa, dove arriviamo in serata, aspettiamo “solo” 55 minuti che venga scaricato il nostro zaino, salutiamo Barbara e Giuliano e torniamo a casa.


L’Uzbekistan ci ha affascinato, le città lungo la Via della Seta rievocano un passato glorioso.

Abbiamo trovato una popolazione gentile e disponibile. Qualche difficoltà con la lingua.

Infine, abbiamo avuto qualche problemino con il mangiare, estremamente grasso e piuttosto monotono. La carne, soprattutto di pecora e montone, si trova in qualunque piatto, dalle insalate alle zuppe. La conservazione degli alimenti è spesso “scarsa”e gli effetti collaterali questa volta sono stati pesanti!

Sicuramente bastano una decina di giorni per fare il giro che abbiamo fatto noi, uno/due giorni sono stati di troppo in ciascuna città vista.

Con 2 settimane a disposizione si puòabbinare un altro paese, come il Kirghizistan.



A presto

Cri e Enzo

Barbara e Giuliano